Go to Top

Legatoria a Forlì, la ricerca della perfezione a Grafiche Mdm.

 

La storia della legatoria a Forlì

Parlare di legatoria a Forlì vuole dire, necessariamente, parlare di storia della stampa. Infatti, non esiste libro o documento che non sia passato per le mani del rilegatore il quale, già in epoca romana, era chiamato in diversi modi, secondo il suo ruolo nella produzione delle legature. Bisogna aspettare la fine dell’impero romano, quando il libro assume la forma di codex, perché il rilegatore assuma un compito più definito.

Nel corso dei secoli la legatura si trasforma, da strumento protettivo e funzionale, in un’opera d’arte che richiede il talento di veri e propri artisti.

Ogni cultura ha sviluppato tecniche diverse che oggi è possibile osservare nei musei e, naturalmente, su Internet. A questo proposito segnaliamo il prestigioso lavoro svolto dalla Bibliothèque nationale de France che ha messo online il progetto “Reliures de la Bibliothèque nationale de France” (link: http://reliures.bnf.fr/projet) dove è possibile ammirare oltre 200 esempi di rilegature antiche, di cui mostriamo un esempio tratto dal medesimo sito.

imm1

Foto Credits: http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/btv1b7300314p

Naturalmente, non esiste un solo modo di rilegare libri e documenti. Ogni cultura ha sviluppato proprie tecniche, a volte dipendenti anche dall’uso pratico, come nel caso dei libri arabi che nel VI secolo erano pensati per i nomadi che dovevano trasportarli.

Grazie a Internet oggi possiamo documentarci in modo abbastanza esauriente riguardo all’arte della rilegatura. Basta cercare con le parole adatte come: legatura libri, rilegatura libri, rilegatura documenti, rilegatura stampati.

Poiché ci occupiamo di stampa da quasi novanta anni, per noi di Grafiche Mdm, fare legatoria a Forlì, ha significato, prima di tutto, investire in macchinari per ottimizzare e migliorare il processo produttivo e, di conseguenza, creare un reparto speciale dedicato a tutte le lavorazioni del foglio stampato.

Per i profani, la legatoria è esclusivamente il modo ricoprire un libro stampato con una copertina dalla fattura più o meno ricercata.

Nella realtà, le lavorazioni tipiche della legatoria sono diverse (dalla rilegatura a punto metallico alla rivettatura, dalla rubrica tura alla spiralatura) e ognuna di esse può aggiungere valore, prestigio e usabilità non solo a libri e documenti; anche prodotti stampati a uso commerciale come: cataloghi illustrati, bilanci annuali, report, manuali, guide turistiche e volumi artistici possono sfruttare le lavorazioni extra stampa della legatoria per offrire qualcosa in più al lettore.

Non dimentichiamo mai che i primi due sensi che entrano in contatto con uno stampato sono la vista e il tatto. Quest’ultimo riveste un’importanza spesso sottovalutata da chi progetta stampati editoriali e commerciali.

Oggi disponiamo di una quantità esorbitante di tipi di carte e cartoni, diversi per grammatura, colore e superficie, ciò che rende speciale e unico al tatto uno stampato. A noi piace lavorare così, collaborando con grafici, illustratori e progettisti di stampati, per cercare di trovare insieme il supporto più adatto a ogni lavoro e creare stampati con un impatto visivo e tattile straordinario.

SCOPRI I SERVIZI DI LEGATORIA