Go to Top

Tabù, nel mondo dei parchi

Il gioco. Se dovessimo fare un elenco delle attività più importanti nella formazione di un bambino, giocare sarebbe di certo ai primi posti. Questo perché il gioco è un processo di apprendimento essenziale e naturale, imprescindibile nel processo di crescita e di evoluzione del pensiero, dell’etica e dell’educazione di un bambino.

Ma tale processo non si ferma all’infanzia. Con tutta probabilità, soltanto nel gioco è possibile per l’uomo sentirsi realmente libero. Il gioco è importante poiché costringe alla parità perché a tutti i giocatori sono state impartite le stesse istruzioni, e inoltre mette in pratica la certezza del diritto, perché un gioco può esistere soltanto nel rispetto delle regole. Per questo motivo abbiamo appreso con interesse la notizia che “Tabù” (il famoso gioco da tavola) sarebbe sbarcato nel Mondo dei Parchi grazie all’intuizione di Giorgio Tauber, professionista che per venti anni ha retto il timone di Gardaland, il famoso Parco di Divertimenti italiano.

Oggi questa esperienza viene messa nuovamente al servizio delle famiglie italiane grazie a Tabù, nel mondo dei parchi, ideato per aiutare a scoprire i migliori parchi di divertimento del mondo. Leggendo il regolamento. Tabù, nel mondo dei parchi è una rivisitazione in chiave geografica di un ever green: “Il gioco dell’Oca”, quello a cui ognuno di noi ha giocato almeno una volta nella vita, affrontando un percorso, armato di dadi e una certa dose di fortuna per superare le tappe, vincere premi e superare delle penalità.

I giochi sono importanti, preparano un ragazzo per quel grande gioco che è la vita.
(Il Piccolo Lord)

Ideato e ideale per il divertimento di tutta la famiglia, Tabù, nel mondo dei parchi non è solo un gioco ma un vero e proprio viaggio intorno al mondo alla scoperta dei più importanti Parchi spostandosi sulle ali della magia e delle curiosità in un periodo come quello attuale in cui viaggiare è diventato sempre più complicato e difficile.

Si parte, ovviamente, dal Lago di Garda per un’esperienza che stimola la mente unendo gioco e didattica a 360 gradi.
Grafiche MDM ha supportato Giorgio Tauber mettendo al servizio del suo gruppo di lavoro la propria ventennale esperienza nel mondo della cartotecnica e seguendolo in tutti gli aspetti di scelta e lavorazione dei materiali e nella produzione finale in modo da garantire ai giocatori un’esperienza coinvolgente, divertente e duratura. Da questa sinergia è nata una forte partnership che continuerà anche per i progetti futuri.

Siamo orgogliosi di aver partecipato a questo progetto nella consapevolezza che La dimensione del gioco è di fondamentale importanza e che va applicata a tutta la tua vita: perché è un’attività così totale e immersiva tanto da rendere lo scopo irrilevante; questo Tabù è un gioco fantastico perché puoi imparare sempre qualcosa, senza pensarci troppo. Non ci pensi: tu stai giocando, ti stai divertendo eppure stai imparando ogni volta qualcosa di nuovo.

Lanciare i dadi ti insegnerà a lasciare il futuro nelle mani della sorte, esattamente come accade nella vita reale.

Tabù è il classico gioco per cui vale la regola dai “6 ai 99” anni perché se è vero che tutti dobbiamo invecchiare, è altrettanto vero che si diventa davvero vecchi quando si smette di giocare.

Il divertimento è una necessità di vita.
(Giorgio Tauber)

Puoi scoprire tutti i dettagli, acquistare il gioco e visionare il regolamento su giocotabu.it sul sito ufficiale trovi anche i 6 punti di riferimento per ritirare il tuo gioco ordinato, risparmiando così le spese di spedizione. Mentre nella pagina Facebook è on line il video promo del gioco.

Il giuoco è il più alto grado dello svolgimento umano in questo stadio; perché esso è la spontanea e necessaria rappresentazione dell’interno dell’animo, il quale ha bisogno di estrinsecarsi. Il giuoco è il più genuino e più spirituale prodotto dell’uomo in questo periodo, ed è a un tempo il modello e l’immagine di tutta la vita interna dell’uomo. Esso perciò genera la gioia, la libertà, la contentezza, il riposo in sé e fuori di sé, e la pace con l’universo.
(Friedrich Fröbel)

Giovanni Scafoglio

Lascia un commento